//Come scegliere il materasso ideale

Come scegliere il materasso ideale

L’importanza del materasso

Il sonno rappresenta uno dei momenti più importanti della nostra routine quotidiana. Durante il sonno il nostro organismo subisce una serie di cambiamenti e modifiche che ci consentono il recupero delle energie spese durante la giornata e l’immagazzinamento dei ricordi nella memoria a breve e lungo termine.
Una delle caratteristiche principali che si osservano durante lo stato di riposo è dato infatti dalla iperattività delle cellule cerebrali osservabile mediante encefalogramma. Questo perché il sonno svolge una funzione fondamentale per quanto riguarda il corretto funzionamento del nostro sistema nervoso.
Lo stato di riposto è un equilibrio molto delicato, che può venire alterato da particolari stati patologici, psicologici ed ambientali.
Esempi tipici di questi disturbi sono i frequenti risvegli notturni, le apnee notturne, ed il sonno ritardato. Tutti questi stati producono una alterazione del ritmo sonno- veglia, che si riflette in delle vere e proprie alterazioni sinaptiche.
Un ruolo di fondamentale importanza per l’equilibrio del sonno è svolto dai fattori ambientali come temperatura, umidità, e soprattutto struttura e materiali del giaciglio in cui dormiamo.
In questo senso, la scelta del materasso rappresenta un fattore di primaria importanza per poter godere di sonni ininterrotti ed appaganti.

La scelta del materasso che più si addice a ciascuno di noi si basa su diversi fattori, tra i quali una particolare ruolo è rivestito dal nostro peso corporeo e dalla posizione in cui siamo soliti dormire.
Per ciò che attiene il peso, va evidenziato che le persone più robuste hanno necessità di utilizzare materassi di maggiore rigidità, per fornire così maggiore sostegno al corpo. I soggetti con peso corporeo nella media o di corporatura particolarmente esile, invece, avranno bisogno di materassi più morbidi, in modo tale da consentire al corpo di adattarsi alla struttura del materasso e sostenere il peso al meglio.

Per quanto riguarda l’influenza della posizione in cui siamo soliti dormire, essa è rilevante sotto il profilo della diversa distribuzione del peso corporeo sul materasso. In ragione di ciò, per chi ama dormire in posizione prona, dove la maggior parte del peso è distribuito in modo uniforme, sarà preferibile un materasso rigido. Per tutti coloro i quali amano dormire in posizione fetale, invece, sarà più opportuno scegliere un materasso morbido, che si adatti alla distribuzione del peso non uniforme tipica di questa posizione.
Infine, per tutti coloro che sono soliti dormire in posizione supina– che contrariamente a quanto si potrebbe pensare, costituiscono una minoranza- sarà preferibile un materasso di media rigidità in modo da non sovraccaricare eccessivamente la zona lombare.

Come scegliere il materasso

Il materasso così come lo conosciamo noi, secondo alcuni storici, risale al tempo delle crociate, tant’è che studiosi sostengono che la stessa parola materasso deriverebbe dal termine arabo matrah, ovvero “posarsi su”. Questi materassi erano costituiti in lana e crine di animale, e venivano utilizzati dalle famiglie più abbienti, mentre la parte più povera della popolazione si avvaleva di pagliericci, ovvero sacchi di cotone robusto generalmente imbottiti di paglia.
A partire dall’800 cominciarono poi a diffondersi i materassi a molle e ad acqua, ma la svolta cruciale arrivò agli inizi del ‘900, quando John Boyd Dunlop inventò il materasso di lattice. Il lattice infatti permetteva di aderire perfettamente alle curve del corpo in modo tale da consentire una distribuzione ottimale del peso e di conseguenza sonni di gran lunga più piacevoli.
Attualmente il mercato offre numerose tipologie di materassi, circostanza questa, che lascia spesso perplesso l’acquirente. In questa breve guida vi spiegheremo come scegliere il materasso sulla base delle vostre abitudini quotidiane, e illustreremo brevemente le principali tipologie di materassi attualmente reperibili sul mercato elencandone pregi e difetti, in modo tale da consentirvi di trovare il prodotto che più si adatta alle vostre esigenze.

Materassi a molle

L’invenzione del materasso a molle risale a circa 150 anni fa. Grazie alla comodità ed all’igiene che garantisce l’utilizzo di questa tipologia di materasso, esso ha avuto una larghissima diffusione.
I materassi a molle sono caratterizzati dall’inserimento all’interno dell’imbottitura di elementi metallici a forma di spirale (molle) deputate al sostenimento del peso del corpo. Nei materassi di recente produzione le molle vengono insacchettate, in modo tale da consentirne la separazione le une dalle altre e da prevenire così il rischio di deformazione delle strutture.
Affinché un materasso a molle possa essere considerato di buona qualità è necessario che abbia almeno 480 molle ed uno spessore di almeno 21 cm.
I pregi derivanti dall’utilizzo di questa tipologia di letto sono individuabili nella solidità della struttura e nella facile igienizzazione del giaciglio, che consente di evitare la formazione di allergeni. La presenza delle molle infatti consente all’aria di passare e di conseguenza il materasso risulta più pulito e consente di sudare di meno. In ragione di ciò è consigliato a coloro che vivono in zone calde.
Ultimamente si sta assistendo allo sviluppo di nuove soluzioni, tra le quali va menzionata l’aggiunta della copertura in memory foam ai materassi a molle insacchettate, che consentono di temperare la rigidità del materasso grazie all’adattabilità del memory foam alle curve del corpo.
L’unico difetto che si può riscontrare nell’utilizzo di questa particolare tipologia di materasso è data dalla eccessiva rigidità. In ragione di ciò non appare consigliato per i soggetti di corporatura esile, ma appare una soluzione ottimale per tutti i soggetti di corporatura robusta o in sovrappeso.

Materassi in lattice

Inventato da John Boyd Dunlop agli inizi del ‘900, il materasso in lattice rappresenta attualmente uno dei modelli più richiesti ed utilizzati sul mercato. Il lattice è una sostanza che viene estratta dalla pianta della gomma ed è ampiamente utilizzato per via della sua resistenza e malleabilità.
Il successo riscosso dai materassi in lattice è dovuto principalmente al fatto che essi sono in grado di fornire un sostegno abbastanza rigido ma che si adatta perfettamente alle curve del corpo, in modo tale da consentire una ottimale distribuzione del peso. Grazie alle proprietà del lattice questa particolare tipologia di giaciglio è consigliata a tutti coloro che si muovono nel sonno. Questo perché il lattice è in grado di assorbire le vibrazioni prodotte dai movimenti, in modo da consentire di ridurre al minimo i fastidi da essi derivanti.
Oltre a questo il lattice è un materiale ipoallergenico, antibatterico ed antiacaro.
I difetti derivanti dall’utilizzo di questo particolare tipo di materasso secondo alcuni utenti sono rintracciabili principalmente nella poca aerazione del giaciglio, ed in ragione di ciò esso non sarebbe adatto per coloro i quali vivono in zone particolarmente calde.
Infine alcuni utenti ritengono che il materasso in lattice sia meno resistente rispetto ad un materasso a molle o in memory foam. Tuttavia, una affermazione di questo tipo deve essere correttamente bilanciata. Se si vorrà optare per un materasso in lattice economico, la qualità delle materie prime sarà più bassa e pertanto una perdita di elasticità del materiale sarà inevitabile. Optando per soluzioni meno economiche si potrà invece ottenere un prodotto di alta qualità, che è senza dubbio destinato ad una maggiore durevolezza nel tempo.

Materassi in memory foam

Il memory foam è una schiuma elastica composta principalmente in poliuretano inventata dalla NASA negli anni ‘60 per lo sviluppo di attrezzature comode e resistenti per gli astronauti.
Grazie alle particolari proprietà di questo materiale, i materassi di questo tipo si caratterizzano per aderire e modellarsi perfettamente al corpo. Infatti il memory foam risponde alla sollecitazione derivante dal calore del corpo, consentendo una perfetta adattabilità ed una distribuzione uniforme della pressione esercitata.
Grazie alla sua elasticità esso è in grado di ritornare alla propria forma originaria nel momento in cui la pressione viene meno, ed è proprio questa particolare proprietà che ha ispirato il nome del materiale, memory foam significa infatti “schiuma di memoria”.
Sotto il profilo igienico il memory foam si caratterizza per essere antiacaro a anallergico. La manutenzione e la corretta igiene del materasso sono operazioni particolarmente facili e veloci.
Nonostante l’estrema malleabilità del materiale, alcuni utenti lamentano una eccessiva rigidità del materasso, ed in ragione di ciò esso sarebbe indicato per persone di corporatura robusta.

Scegli il materasso adatto a te

Attenzione: Le informazioni presenti in questo articolo non possono sostituire il consulto di un medico e non vanno intese come consigli medici. Se soffri o pensi di soffrire di un disturbo rivolgiti al tuo medico.

2019-02-19T09:29:04+00:00

Scrivi un commento

Prova gratis la Magnetoterapia

Prenota un appuntamento con un nostro consulente:
  1. Effettua due sedute completamente gratuite
  2. Ricevi indicazioni su quale dispositivo è più adatto alle tue necessità
  3. Prova con mano la facilità e la comodità di un trattamento magnetoterapeutico
RICHIEDI LA TUA CONSULENZA
close-link